Categorie
Public Speaking

Dita a V nelle presentazioni internazionali

Anche i relatori migliori a volte si fanno sorprendere per così dire “con le braghe calate”. È successo qualche tempo fa a un relatore bravissimo che senza accorgersene ha suscitato un momento di grande imbarazzo tra il suo pubblico prevalentemente inglese.
Non si è trattato di una parola mal pronunciata che ha fatto assumere un significato diverso al discorso, come accade frequentemente a tutti noi, ma qualcosa di molto meno scontato: le dita a V.
L’inizio era ottimo. Il relatore ha illustrato il problema e poi ha anticipato le due possibili soluzioni che avrebbe trattato nel corso della presentazione. Lo ha fatto dicendo: “Vedremo insieme le due soluzioni: soluzione 1… pausa ad effetto […] e soluzione 2 altra pausa ad effetto […] e, per fissare meglio i passaggi, li ha elencati con le dita.

dita a v

In Italia è una tecnica da manuale, serve a sottolineare che andremo a esplorare due argomenti, a scandire i due momenti della presentazione, e il relatore l’ha usata con questa intenzione.
Purtroppo, però l’ha fatto con il dorso della mano rivolto verso il pubblico e, per un pubblico inglese, il gesto delle dita a V è equiparabile al nostro dito medio, ma con l’aggiunta di un elemento di sfida.
In pratica la sua gestualità ha trasformato il suo discorso in:

  • soluzione uno: ….
  • soluzione due: toglietevi dalle …. (ometto la parte scurrile)

Dobbiamo evitare di usare questa tecnica? No, assolutamente no! È sufficiente ricordarsi di mostrare sempre il palmo della mano al pubblico e non il dorso. Soprattutto se il nostro pubblico è inglese, irlandese o australiano.
Anche se nelle conferenze internazionali il pubblico è cosciente che questi gesti non sono intenzionali, una maggiore attenzione da parte nostra ci eviterà di creare inopportuni momenti di imbarazzo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *